TORTA ANGELICA DELLE SIMILI, DOLCE!


Qualche settimana fa avevo postato la ricetta della Torta Angelica delle Simili in versione salata. La ricetta originale, però, è questa: una torta dolce, con farcia di uvetta e scorza d'arancio candita.

Ho seguito la ricetta per filo e per segno, quindi semplicemente la trascrivo così com'è sul libro "Pane e roba dolce".
Dovete assolutamente rifarla... è davvero "angelica"!!!


INGREDIENTI
Lievitino:
135 g di farina di forza(la manitoba va bene)
13 g di lievito di birra
75 g di acqua

PROCEDIMENTO
Amalgamare tutti gli ingredienti e lasciare lievitare 30 min.

Impasto
400 g di farina di forza
75 g di zucchero
120 g ti latte tiepido
3 tuorli
1 cucchiaino di sale
120 g di burro
Farcia
75 g di uva sultanina
75 g di scorza d'arancio candita
Glassa velante
4 cuchiai di zucchero a velo
1 albume

PROCEDIMENTO
In una ciotola mettere la farina, fare la fontana, mettere al centro il latte tiepido, i tuorli, lo zucchero e il sale e amalgamare con un poco di farina. Unire il burro e finire l'impasto fino a quando si staccherà dlle pareti della ciotola.
Rovesciare sul tavolo, unire il lievitino e impastare finchè i due impasti saranno bene amalgamati. Rimettere nella ciotola unta e lasciare lievitare un'ora finchè sarà raddoppiata.
Rovesciarla sul tavolo infarinato e stenderla formando un rettangolo di 2-3 mm di spessore, senza lavorarla. Pennellare abbondantemente con il burro fuso, cospargere di uvetta precedentemente ammollata e asciugata, e di scorza d'arancia candita e tritata.
Arrotolare il lato più lungo. Tagliare questo rotolo a metà per il lungo con un coltello affilato, infarinandolo ogni tanto. Separare delicatamente i due pezzi, girarli tenendo il lato tagliato verso di voi e formare una treccia facendo in modo che la parte tagliata rimanga il più possibile all'esterno. Mettere su una teglia da forno e chiudere a ciambella. Pennellare con burro fuso e far lievitare 30-40 min coperta a campana (deve quasi raddoppiare). cuocere in forno a 200° per 20-25 min circa.
Diluire i 4 cucchiai di zucchero con l'albume fino a ottenere una glassa semi densa.
Appena l'angelica esce dal forno, pennellarla con la glassa e lasciarla asciugare. Volendo si può mettere ad asciugare in forno per 30 secondi.
(in questo modo la torta rimane lucida e bella da vedere, ma per renderla ancora più angelica, io ci ho messo comunque un po' di zucchero a velo)

Commenti

  1. Ne voglio una fettina per favore....sono in calo ipoglicemico....help!!!

    RispondiElimina
  2. mamma mia ti è uscita una meraviglia!!!! buonisssssssssima!

    RispondiElimina
  3. E' spettacolare e molto lavorata, ma ne vale assolutamente la pena...notte

    RispondiElimina
  4. Questa angelica è una meraviglia! L'avevo fatta anni fa in versione salata e ricordo che la trovai divina, non ho mai provato, invece, a proporla in veste dolce, ma credo che sia fantastica!

    RispondiElimina
  5. Ma sembra un panettone.. uvetta e canditi!!! chissà che buonaaaa.. ne voglio assolutamente una superfettona!! bacioni e buon fine settimana! :-)))

    RispondiElimina
  6. Devo assolutamente provarla questa delle Simili,una garanzia!

    RispondiElimina
  7. Che bella che è!!!io adoro le sorelle simili,e devo dire che non ho ancora provato a farla,perchè ho pensato che fosse troppo difficile....Tu sei stata bravissima...

    RispondiElimina
  8. Grazie Annarè! Provala, vedrai che non è troppo difficile, se segui la ricetta delle Simili!!!

    RispondiElimina
  9. Lo farò appena guarita da questa terribile influenza...Vieni a trovarmi sul blog,mi fa sempre molto piacere.Sai io sono nuova e non ho ancora tanta gente che viene a vedere il blog.
    Nel frattempo un mega salutone e ancora complimenti per il blog,mi piace un sacco...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari